Ascensione Meditazione e la guarigione dello Stress

L'Ascensione e la guarigione dello stress

"Perché il regno dei cieli è dentro di voi."

- Luca 17 v21

"Se non diventerete come bambini, non entrerete nel regno dei cieli"

- Matteo 18 v3

In questo articolo
    Add a header to begin generating the table of contents

    Un effetto collaterale immensamente prezioso della meditazione dell’Ascensione, è la guarigione dello stress trattenuto nel sistema nervoso, e il conseguente miglioramento in tutti i settori della vita. L'obiettivo primario della meditazione dell'Ascensione è di ottenere un'esperienza permanente e duratura del divino e di riconoscere che questa è la nostra natura essenziale. Durante la pratica regolare dell’Ascensione per raggiungere questo obiettivo, è comune che lo stress inizi a muoversi come parte del processo di guarigione. L'Ascensione può aiutare con lo stress e l'ansia? - Sì! La meditazione d'Ascensione ha il potenziale per rimuovere tutto lo stress dal sistema nervoso.

    Stress&Ascensione 02

    Che cos'è lo stress?

    Per capirlo, può essere utile sapere cos'è lo stress, come nasce, come influisce sul nostro corpo, e cosa succede quando inizia a muoversi. Sembra che lo stress si verifichi quando sperimentiamo un evento che giudichiamo indesiderabile e che fa emergere emozioni negative. Se queste emozioni e le circostanze a contorno non vengono completamente rilasciate e guarite, allora lo stress si accumula nel corpo.  

    Ascensione e guarigione

    Come funziona?

    Come avviene questo processo? Per me, il modo più semplice per capirlo è osservare i bambini piccoli; la fascia d'età tra i 18 mesi e i 3 anni è un ottimo momento per osservare cosa succede. Tutti veniamo al mondo in grado di esprimere emozioni. Sono il nostro primo modo di comunicare con il mondo che ci circonda e di soddisfare i nostri bisogni, e il sistema è attivo e funzionante molto prima che sviluppiamo la parola e il linguaggio, e continua ad esserlo per tutta la vita. È questo linguaggio delle emozioni che dà colore alla vita. All'età di 18 mesi, la maggior parte dei bambini può esprimere le cinque emozioni umane di base - amore, gioia, tristezza (o dolore), rabbia e paura. Ho scelto queste cinque perché sembrano avere modi specifici di espressione attraverso il corpo. L'amore è espresso da abbracci e coccole; la gioia da sorrisi, risate e movimenti gioiosi; la tristezza o il dolore da pianti e lacrime; la rabbia da capricci, e la paura e l'ansia da tremiti e scosse. Queste azioni del corpo sono universali e indipendenti da razza o cultura.

    Autocontrollo

    Finché i bambini possono esprimersi in questi modi fisici attraverso il corpo, non accumulano stress nel loro sistema. Ma i bambini devono crescere, e parte della crescita per la stragrande maggioranza delle culture significa che devono imparare a controllare l'espressione fisica dei loro sentimenti. Devono imparare a non piangere, a non fare capricci e a non mostrare che hanno paura. L'amore che esprimono deve essere limitato alla famiglia e agli amici stretti e non a chiunque gli piaccia, e devono limitare la quantità di gioia che esprimono per non disturbare le altre persone intorno a loro. Questa è una parte necessaria della crescita, e la maggior parte dei bambini ha sviluppato l'autocontrollo entro i sette anni. 

    Ascensione Meditazione e la guarigione dello Stress

    Esprimere i sentimenti

    Mentre insegnare l'autocontrollo è quasi universale, insegnare quando possiamo allentare questo controllo ed esprimere alcuni dei nostri sentimenti inespressi è molto meno comune. Il problema di controllare i sentimenti e non permettere la loro naturale espressione è che questi sentimenti non se ne vanno. Invece, vengono immagazzinati in qualche forma da qualche parte nel corpo. Fortunatamente, il sistema di immagazzinamento non è rigido, e il corpo cercherà di spostare queste tensioni come e quando può. Le emozioni si manifestano comunemente sotto forma di sogni, ma anche attraverso ogni sorta di sintomo fisico. Da adulti, spesso cerchiamo attività o situazioni che stimolino le nostre emozioni, come lo sport, i film, il teatro, l'arte e le relazioni, o semplicemente l'impegno sociale con altre persone. Il gioco che si svolge davanti a noi entra in risonanza con le emozioni immagazzinate dentro di noi, permettendo ad alcuni di questi sentimenti di venire in superficie ed essere rilasciati.

    "Imbottigliare le cose"

    Un modo di vedere la cosa è immaginare che il corpo sia come una bottiglia. Mentre interagiamo con il mondo, sorgono situazioni che fanno emergere sentimenti in noi. Generalmente, troviamo più difficile o socialmente inaccettabile esprimere i sentimenti negativi (tristezza, rabbia e paura). Quindi, cerchiamo consciamente o inconsciamente di ignorare i sentimenti. Questi sentimenti inespressi vengono immagazzinati. Si parla addirittura di "imbottigliare i sentimenti”(in inglese). Se non si fa nulla per aprire il rubinetto sul fondo della bottiglia e far uscire alcuni sentimenti, la bottiglia si riempie. Ci vuole molta energia per immagazzinare i sentimenti, anche se non siamo coscienti di farlo. Questo ha un effetto negativo sulla salute del corpo. Ci sono poche, se non nessuna, malattie che non hanno, almeno in parte, un elemento di emozione negativa immagazzinata. Ci sono pochissime, se non nessuna, condizioni mediche che non migliorano se si prendono misure per ridurre questo carico di sentimenti.  

    Questo controllo e immagazzinamento delle emozioni è una funzione della mente, principalmente della mente inconscia. Fin dall'infanzia, abbiamo imparato comportamenti e strategie per non sentire i nostri sentimenti, in particolare quelli negativi. La separazione dei sentimenti dal contesto di ciò che sperimentiamo nella vita quotidiana è quasi istantanea, e spesso non siamo consapevoli che un altra fetta di emozioni non è stata solamente ignorata, ma anche messa in deposito. Passiamo le nostre vite cercando di risolvere i problemi ma ignoriamo i nostri sentimenti. Così, se un sentimento viene in superficie e il corpo inizia ad esprimerlo, spesso sembra non esserci una ragione per quel sentimento. Questo perché il problema originale associato a quella sensazione è stato risolto o ha cessato di esistere, e la sensazione sembra non avere nessun riferimento. Oppure possiamo scegliere un altro evento o situazione e incolparlo della sensazione.

    Pensare

    Il lavoro della parte pensante della mente è quello di cercare di trovare cose che ci diano felicità, ma cerca anche di tenerci al sicuro. Prende  una cosa che sta accadendo nel momento presente e la confronta con qualunque momento passato che pensa possa essere rilevante, e poi la proietta nel futuro in modo che possiamo essere preparati a qualunque minaccia o pericolo. Sfortunatamente, nel passato troverà spesso cose che ci hanno fatto sentire arrabbiati o tristi, e nel futuro troverà cose che ci rendono ansiosi o timorosi. Il modo in cui la meditazione dell'Ascensione sembra funzionare è quello di eliminare i flussi di pensiero in cui la mente pensante è impegnata, riportandoci a questo momento presente e permettendo, per quanto brevemente, alla mente di essere quieta. Una volta che la mente può riposare, smette di inviare infiniti messaggi contraddittori al corpo, così il corpo può riposare e iniziare a fare ciò che è veramente bravo a fare, cioè guarire se stesso.

    Stress&Ascensione 04

    Essere emotivi

    Una delle cose che possono accadere quando il corpo guarisce se stesso è che le tensioni immagazzinate, in particolare le emozioni immagazzinate, iniziano ad uscire dal magazzino per essere rilasciate in ambito emotivo. Una volta che (le tensioni) raggiungono il punto in cui diventano una reazione emotiva, la mente ne diviene consapevole. La persona ha allora una scelta: permettere a quell'emozione di essere espressa, o controllarla di nuovo e rimetterla in magazzino. Le emozioni sono cose potenti, e se qualcuno non è abituato ad esprimere i propri sentimenti, questi possono sembrare schiaccianti. In questa situazione, può essere molto utile avere il sostegno di qualcuno di cui ci si fida che possa anche permettere al processo di rilascio emotivo di fare il suo corso. Le persone che sono molto stressate e che soffrono di ansia grave hanno particolarmente bisogno di avere altri sistemi di supporto, e questo può includere i servizi di salute mentale, poiché la meditazione può suscitare reazioni emotive acute e persino psicotiche. Più comunemente, lo stress può dissolversi senza alcun disturbo significativo al sistema, ed è solo più tardi che una persona si rende conto che non sta reagendo a qualcosa che prima sarebbe stato un problema per lei. Man mano che lo stress se ne va e il corpo guarisce, più facile diventa rimanere nel momento presente. Da questo luogo, con la mente pensante fuori dai piedi, lo stress che si muove attraverso il corpo non disturba più la nostra pace. Con un sistema nervoso più pulito, possiamo rimanere radicati nel presente, e da lì, sperimentare il divino.

    Torna su