Che cosa si perde quando si pratica l’Ascensione degli Ishaya?

Quando mi viene posta questa domanda, mi vengono in mente molte cose che ho perso lungo il cammino. Direi che l'elenco delle cose che sto perdendo con l'Ascensione continua a crescere, e crescerà per sempre.

 Perciò la risposta più veritiera sarebbe concisa, diretta e semplice: "Tutto". Potrebbe sembrare una cosa che nessuno si augura, ma continuando a leggere vedrai che in realtà è una cosa eccellente e desiderabile. Lascia che ti spieghi…

L'attaccamento è la radice della sofferenza

Secondo la mia esperienza, la maggior parte (se non tutti) dei nostri guai, problemi e limitazioni deriva dall'attaccamento a qualcosa che crediamo falsamente nostro. Qualcosa che potrebbe essere perso, danneggiato, messo in discussione o distrutto.

 Prima di imparare ad Ascendere, ero costantemente in uno stato di paura di fondo. Paura per la mia sicurezza finanziaria, paura di ciò che gli altri pensano di me, paura di prendere decisioni sbagliate, ecc. La lista sembrava infinita.

 A quel tempo, tutto ciò che esisteva per me era il mondo che mi era stato insegnato come realtà. Il mondo delle cose che si possono toccare, vedere, misurare e spiegare. Il mondo suffragato dalla scienza e compreso dalla mente come realtà.

What do you lose with Ascension 02

Non c'è nulla di sbagliato in questo, ma nella mia esperienza personale mancava sempre qualcosa. Qualcosa che non è misurabile dalla scienza, qualcosa che non si può toccare o vedere - un regno dell'esperienza in cui si può entrare solo attraverso la resa. In definitiva, la resa di tutto.

Oggi l'uomo medio è consapevole solo di ciò che è oggettivo. Il mondo delle forme in cui viviamo, le persone, le emozioni, i pensieri, tutto ciò che va e viene. Di solito, il nostro senso della realtà è definito e limitato al mondo oggettivo, che per sua natura cambia continuamente, e al nostro attaccamento ad esso.

La saggezza antica indica la soluzione

Sono sempre stato un estimatore di Gesù Cristo, che diceva: "Siate poveri davanti a Dio!". Attraverso la mia esperienza di utilizzo delle tecniche di Ascensione, ho iniziato a capire cosa intendeva e perché è così importante.

C'è un'altra sua famosa citazione, che paragona la porta d'accesso al Regno di Dio alla cruna di un ago e afferma che non si può portare nulla con sé. Mi piace molto. 

La mia interpretazione di ciò che Gesù ha detto è che l'unico modo per entrare nel Regno dei Cieli è lasciare andare tutto. Non si può portare con sé nemmeno una convinzione, nemmeno un pensiero.

Cosa succede se lasci andare tutto ciò che è oggettivo per te? Prova! Puoi farlo, tutti possono farlo.

What do you lose with Ascension 03

Sei colui che è consapevole

Secondo la mia esperienza, questo rende molto chiaro quale sia il soggetto. Ciò che sei in realtà è ciò che è consapevole. Quando sei consapevole di qualcosa, è chiaro che non puoi essere ciò di cui sei consapevole, giusto?

Quindi questo mondo fisico, che include il proprio corpo, le circostanze, le emozioni, i sentimenti e persino i pensieri, tutto ciò che si può percepire in realtà, non ha nulla a che fare con te e non ha motivo di definirti.

Questo è ciò che è stato costante nella mia pratica dell'Ascensione. Mi fa perdere l'attaccamento verso ciò che cambia e il mio insistere sul fatto che quella sia la realtà. Mi riporta continuamente ad un chiaro riconoscimento del mio vero sé, che non è un oggetto di questo mondo. Mi fa perdere il legame con ciò che è oggettivo, in particolare con la mente, e mi permette di essere in pace come colui che non è irretito.

L'Ascensione mi aiuta anche a lasciar andare il  falso senso di sé, il falso senso della realtà e ciò che rimane sempre è la verità senza tempo, illimitata ed assoluta del sé già libero che vaga silenziosamente al di là di tutto.

Vivere la vita mollando la presa

Si può dire che perdo tutto con la pratica dell'Ascensione. E questo è un bene, perché è ormai una verità universalmente riconosciuta che, in ultima analisi, nulla mi appartiene.

Aggrapparmi a qualsiasi aspetto della creazione come se mi appartenesse, mi fa soffrire. Perché aggrapparsi a qualcosa, anche piccolo e sottile come un pensiero, cela l'esperienza di essere illimitato e dà l'impressione che ci sia una mancanza di qualcosa nel sé.

 Aggrapparsi a quel qualcosa (anche se è solo una semplice conoscenza di qualcosa) lo arricchisce e lo fa sembrare più completo. Ma nella rinuncia totale a tutto, scoprirai che non è mai mancato nulla.

 Ciò che sei è infinito e più che completo, perché è unico. Ecco ciò che l'Ascensione è per me. Perdo la moltitudine e riscopro l'uno.

What do you lose with Ascension 04
Torna su