Relazione con gli altri

Improvvisamente tutti erano così amichevoli.

Uno degli aspetti affascinanti dell'Ascensione è come ha influenzato la mia relazione con gli altri.

Già molto tempo prima che iniziassi a meditare, mi capitava che occasionalmente, diversi problemi che sembravo avere nelle relazioni con gli altri potessero aver a che fare con me piuttosto che con chiunque altro. Come avrei potuto cambiare profondamente qualcosa in questo senso era un mistero per me.

In questo articolo
    Add a header to begin generating the table of contents

    Quando finalmente l'Ascensione entrò nella mia vita e instaurai una pratica regolare, mi ci volle un po' per notare i cambiamenti. Presto, però, fui sorpresa che tutti sembravano improvvisamente essere particolarmente gentili con me. Questo mi stupì, e solo dopo un po' mi resi conto che stavano rispecchiando i miei cambiamenti. Man mano che irradiavo sempre più serenità, contentezza, leggerezza, apertura e presenza, mi restituivano il sorriso prima ancora che io stessa me ne accorgessi.

    Relationship with others (02)

    Un'esperienza che cambia la vita

    Durante il mio primo mese nel corso di Maestria del Sé (che è un ritiro di sei mesi in presenza), ho potuto sperimentare il potenziale che la pratica dell'Ascensione ha da offrire in termini di relazioni. In un piccolo gruppo di principianti, ci siamo riuniti ogni giorno e abbiamo imparato a riconoscere il silenzio senza dubbi.

    Il nostro insegnante riposava stabilmente nel silenzio come una roccia e pazientemente ci aiutava a sperimentarlo da soli. Eravamo un variopinto miscuglio di caratteri diversi e, con poche eccezioni, non ci conoscevamo prima. All'insegnante non importava. Diede ad ognuno di noi la sensazione di amarci onestamente e sinceramente così come eravamo, senza alcuna condizione. Potevamo riposare sensibilmente nella sua presenza, nel suo silenzio e nel suo amore. Non avevo mai sperimentato nulla di simile.

    Non ero completamente soddisfatta di me stessa in quel momento, ed era difficile per me credere che qualcun altro potesse accettarmi così completamente. Né potevo essere ugualmente aperta a tutti gli altri. Così, avevo delle resistenze e dei dubbi da superare. In qualche modo per tutto il tempo mi aspettavo che alla fine si sarebbe presentata una fregatura, rendendo ogni progresso insignificante.

    Allo stesso tempo, sentivo dentro la mia corazza protettiva incrinarsi e volevo di più di questo amore incondizionato nella mia vita. Ma ciò che mi affascinava e convinceva di più era come tutti nel nostro gruppo beneficiavano di questo trattamento. Indipendentemente dall'età, dalla nazionalità o dal background professionale, tutti sbocciavano e, a loro volta, esprimevano sempre più apprezzamento e amore.

    Relationships with others (03)

    Mettere in pratica nella vita di tutti i giorni

    Tornata a casa, ero più motivata che mai a dare priorità alla mia pratica dell'Ascensione e a intensificare la mia connessione con il silenzio. È la scelta momento per momento di essere presente, riposare nel qui e ora, e focalizzare l'attenzione su ciò che è davanti a me.

    Quando presto tutta la mia attenzione e ascolto la persona con cui sto conversando, percepisco molto meglio ciò che viene comunicato. Mi stupisce ancora il tipo di commenti o giudizi che la mia mente può snocciolare e come vuole trarre conclusioni affrettate o diventa impaziente.

    Ho notato ripetutamente che se faccio più attenzione al momento, vedo cose diverse che altrimenti trascurerei. Non sono sempre solo parole o movimenti, ma a volte si stabilisce la certezza, qualcosa che risuona senza essere nominato.

    Può trattarsi, per esempio, di un desiderio di connessione o di una comprensione più profonda del perché l'altra persona si comporta in quel modo. In entrambi i casi, diventa evidente ciò che sta accadendo invece della storia nella mia testa. Questo rende molto più facile costruire connessioni autentiche.

    Il cambiamento più prezioso per me è che oggi posso lasciare che le altre persone siano quello che sono. Prima, avevo spesso idee preconcette su ciò che era giusto o sbagliato o aspettative su come l'altra persona doveva essere perché io la accettassi o la amassi. Mi arrabbiavo se l'altra persona faceva qualcosa che non mi permettevo di fare o incarnava qualcosa che non mi piaceva di me stessa.

    Poche persone riuscivano farmi perdere le staffe più velocemente di mio padre. Per un bel po' di tempo ho pensato che dovesse cambiare perché ci potesse essere una migliore relazione padre-figlia. In un primo momento, sono diventata più consapevole dei miei pensieri e delle mie emozioni. Poi sono riuscita a smettere di reagire esteriormente alle sue presunte provocazioni.

    In seguito, ho osservato che ero anche in grado di mantenere la calma internamente. Infine, non ho più percepito il suo comportamento come una provocazione ma come il suo modo di essere. Ho capito che così com'è, è adorabile e amabile. E, curiosamente, mi è sembrato che dopo abbia iniziato a cambiare il suo comportamento.

    Altro da scoprire

    L'Ascensione mi ha reso più aperta, soddisfatta, calma, tollerante e amorevole verso me stessa. Questo ha un effetto diretto sulle mie relazioni con gli altri. Ora mi piaccio più di prima, e trovo più facile amare le altre persone così come sono. Questo è l'arricchimento più significativo, perché sono più felice quando amo le persone intorno a me.

    Questo non significa che non devo più affrontare sfide. Ancora oggi, gli altri rispecchiano dove posso crescere, cosa non ho ancora accettato di me stessa, e dove posso amarmi ancora di più. Ma oggi so per esperienza personale cosa posso fare e che nessun altro è responsabile della mia felicità. Lo trovo molto liberatorio.

    Relationships with others (05)
    Torna su