Seriamente…la vita non è seria

Da quando ho imparato l'Ascensione, la tecnica insegnata da The Bright Path Ishayas, non prendere la vita troppo sul serio è diventato un gioco. Ci sono aspetti della mia vita in cui la tensione e lo stress prendono il sopravvento, soprattutto nelle relazioni.  

È stato un viaggio alla scoperta di cose incredibili e quello che mi piace di più è che la serietà non è stata affatto necessaria!

Spero che la mia esperienza sia in qualche modo utile e ti aiuti nel tuo viaggio.

Vivere seriamente

Non so precisamente quando ho iniziato a rendermi conto che la maggior parte degli adulti che mi circondavano erano tutti stressati e preoccupati. La gioia sembrava non far più parte del loro quotidiano. 

Forse si permettevano di divertirsi nei fine settimana, quando finalmente si riposavano e si rilassavano, anche se vedevo che l'alcool giocava un ruolo essenziale nelle occasioni o nelle interminabili ore davanti alla TV.

La domenica sera tornavano tutti a comportarsi seriamente, sapendo cosa li aspettava durante la settimana. Lamentele e frustrazione cattivo umore erano ciò che percepivo e rappresentavano per me un "normale adulto responsabile". Mi sbagliavo.

Il mio rispetto e la mia ammirazione per quegli adulti rimangono intatti, ma avere un assaggio di com'è vivere nel mondo degli adulti limita il piacere della vita, ed è così poco attraente. Questi stessi adulti hanno imparato lo stesso da giovani, del tutto inconsapevoli di come stavano perpetuando gli stessi modelli di comportamento.

Seriamente 02

Quando tutto era importante

E così sono cresciuta dando molta importanza alle cose a cui un adulto dà importanza: al lavoro, al prendersi cura degli altri, alla salute, alla sicurezza, al guadagnare abbastanza soldi, all'acquisizione di beni, al futuro, e a poco a poco la gioia e la spontaneità hanno cominciato a svanire.

Pensavo: "Sì, sto andando nella direzione giusta! Sto diventando adulta". E allo stesso tempo, il mio cuore si chiudeva, le "mie" cose e la "mia" vita diventavano più importanti delle altre, e un po' più nevrosi si accumulavano nel mio sistema nervoso. 

Queste azioni si traducevano nel diventare più reattiva, essere sulla difensiva e costantemente di fretta. Tutto quello che facevo o dicevo sembrava avere il timbro di "adulto responsabile in carica", dal preparare il cibo al fare il mio lavoro. 

Responsabilità = Serietà. In tutta onestà, a un certo punto mi sono sentita amareggiata, e non avevo nemmeno 30 anni!

Incontrare l'ascensione

Mia mamma aveva già imparato a meditare da qualche anno con uno strumento insegnato dai Monaci Ishaya chiamato: Ascensione.

Anche quando criticavo la mamma perché passava ore seduta senza fare niente (questo è quello che vedevo), una parte di me riconosceva che lei era l'essere più amorevole e pacifico che avevo vicino a me. Mi ha sempre voluto bene a prescindere da tutto ed era così disponibile ad aiutarmi con pazienza. Incarnava un tipo di presenza che non sapevo come descrivere ma che desideravo avere da molto tempo.

Avevo così tanta resistenza ad apprendere l'Ascensione, ma la vita si è capovolta per qualche tempo e così ho saputo di dover fare qualcosa. Gli alti e bassi della mia mente mi stavano portando via la gioia di vivere. Volevo stabilità e solo un po' più di calma.

Così, ho imparato ad ascendere. Francamente non credevo in nulla di ciò che gli insegnanti condividevano con me. Gli insegnanti sembravano esagerare le cose e mi sembravano un po' hippy, eppure avevo bisogno di cambiare, così ho iniziato ad usare l'Ascensione per metterla alla prova.

Ho notato dei cambiamenti fin dai primi giorni. Non reagivo più. Mi sentivo più flessibile e disposto ad ascoltare. La vita sembrava essere più fluida e senza sforzo.

Seriamente 04

Il miglior consiglio della mia vita

Non molto tempo dopo aver appreso l'Ascensione, partecipai ad una conferenza organizzata da un insegnante Ishaya, e lui disse: Se vuoi avere una vita gioiosa, ti suggerirei di fare quanto segue:

"Prendi un po' meno sul serio ogni giorno della tua vita, ma soprattutto te stessa".

La realizzazione che la serietà non era necessaria e che era solo qualcosa che avevo imparato mi ha scioccato. È stata una grande liberazione vederlo. Ho notato che ascendendo, mi stavo collocando in un posto con meno “auto-importanza" e che siamo tutti collegati da un posto di pace, armonia, fluidità e un'accettazione naturale di ciò che è.

Da lì è iniziato il viaggio. Ho iniziato a cambiare il mio rapporto con una mente che non ha limiti. Fu allora che decisi di prendere questo consiglio più seriamente!

Gioco, esplorazione e scoperte

Dal primo giorno, sono stata affascinata da tutte le mie scoperte. Ho visto che tutta la serietà è legata al prendere le cose troppo sul personale. Le cose che sono importanti per noi sembrano definirci, quelle cose in cui abbiamo investito troppo tempo ed energia. Per me: la musica, essere un'insegnante, il mio percorso spirituale, essere una sorella, un'amica e soprattutto essere una compagna.

C'è un grande contrasto quando mi sento contratta. E' impegnativo vedere l'umorismo nelle situazioni. Sentivo la voglia di scappare e di non parlare, mi sentivo rifiutata e percepivo della resistenza, e mi sentivo poco presente. L’invito è di continuare a giocare.

Ridere ogni giorno di più di me in mezzo al caos è impressionante! La freschezza e la libertà si rivelano all'istante. C'è divertimento e una profonda connessione con tutto ciò che mi circonda.

Oggi il contrasto è uno dei miei migliori alleati per diventare consapevole di quando sto prendendo qualcosa in modo troppo personale. Trovo sia fantastico che l'Ascensione sia il modo naturale e diretto per tornare in quel luogo dove percepisco l'unione, dove tutto ciò che pensavo fosse essenziale svanisce. C'è uno spazio immenso per essere e lasciare che sia ciò che deve essere.

Il consiglio di vivere con più gioia è stato uno dei migliori consigli che abbia mai ricevuto, e auguro lo stesso a voi. Spero che questo sia un invito affettuoso ad esplorare, giocare e scoprire come la vita potrebbe essere per voi se doveste decidere di lasciare perdere la serietà.

Seriamente 05
Torna su