Il dono più grande

Tre mesi fa ho vissuto il momento più difficile della mia vita, la morte di Arian, il più giovane dei miei fratelli.

Stare lì, ai suoi piedi, aspettando che il suo corpo si spegnesse, è stato estremamente difficile. Nulla ho potuto fare per la sua vita, è qualcosa di inspiegabile, qualcosa che non si può descrivere a parole.

 

Ricordo di aver chiesto all'infermiere della terapia intensiva: "Cosa devo fare? E la sua risposta è stata: "Non lo so".

Forse non sapeva nemmeno cosa intendessi quando gli ho fatto quella domanda e forse non lo sapevo nemmeno io.

 

Ma in quel momento l'unica cosa che mi venne in mente fu che il modo per accompagnare il mio amato Arian fosse ascendere.

Fare del mio meglio in quel momento

Non sapevo cos'altro fare o come avrei potuto aiutarlo.

 

Volevo che tutto intorno a lui e lui stesso fosse pace, tranquillità, ma soprattutto amore, Amore Infinito. E così avrebbe trasceso questa vita terrena.

 

Ho solo potuto stare con lui in questo modo per gli ultimi minuti della sua vita. 

 

Oggi non so se fosse il modo migliore per essere presente con il mio Ari, ma fu l'unica cosa che si è presentata alla mia coscienza consapevole in quel momento e ho deciso di farla. Era l'unica cosa.

02 Il dono più grande

Una serena dipartita

La sua morte è stata pacifica (stranamente) perché non c'è stato pianto straziante, non c'è stato dramma nonostante sia stato un evento improvviso e lui aveva un visino sereno. 

La veglia funebre assomigliava a una festa e a una celebrazione della vita. È stata riempita da molte espressioni di amore, amicizia, gratitudine, solidarietà e musica.

L'Ascensione ci dà ciò di cui abbiamo bisogno

Oggi, a tre mesi dalla sua morte, a volte piango e mi manca. Sì, mi manca molto.

Ari era come un figlio per me. Ho deciso di non avere figli e lui ha in qualche modo riempito quello spazio come un fratello-figlio.

Eravamo ottimi compagni di vita. Abbiamo imparato molto l'uno dall'altro. È stato ed è il mio grande maestro.

Abbiamo condiviso molte cose e una di queste era la conoscenza dell'Ascensione.

Mi diceva che gli dava molta pace e tranquillità e che gli permetteva anche di dormire bene. L'Ascensione ci dà ciò di cui abbiamo bisogno. 

Ho imparato ad amarlo incondizionatamente ed è forse per questo che sono stata al suo fianco alla fine, perché sono stata in grado di lasciarlo andare al suo livello successivo senza attaccamento e senza sofferenza. 

Oggi è stata una giornata di molte emozioni e l'unica cosa che mi dà pace e tranquillità è poter essere presente qui, che è ciò che mi dà il pensare alle mie tecniche.

03 Il dono più grande

Dedizione alla mia pratica e una prospettiva diversa

È stato così negli ultimi mesi. È quasi impossibile guardare indietro, perché può essere molto doloroso. 

Ascensione, benedetta Ascensione. Grazie per essere qui a portata di mano e nella mia vita. 

Non solo ora, ma da quando ho imparato e mi sono impegnata a fare della pratica di questa meditazione uno stile di vita.

È bellissimo e mi riempie di gratitudine il fatto che le circostanze della vita, qualunque esse siano, possano essere percepite o viste da un'altra prospettiva. E so che devo molto di questo all'Ascensione degli Ishaya.

Ed è per questo che amo condividere questo meraviglioso insegnamento, perché amo vedere che chi si apre a riceverlo nel proprio cuore, fin dal primo giorno, percepisce la magia e l'incredibile potere delle tecniche. 

 

Il mio nome è Parjanya Ishaya e senza esitazione posso dirvi che conoscere l'Ascensione è il più grande regalo che mi sono fatta nella vita. Il miglior regalo.

Torna su