Luoghi comuni sulla meditazione

Gli 11 luoghi comuni più diffusi sulla meditazione

Qui, mettiamo le cose in chiaro sui miti più comuni sulla meditazione.

In questo articolo
    Add a header to begin generating the table of contents

    Mito n°1: Meditazione significa non avere pensieri

    Questo è probabilmente il mito più comune, ed è uno dei motivi principali per cui la gente si sente frustrata e smette di meditare.

    Ognuno di noi ha decine di migliaia di pensieri ogni giorno. I pensieri sono un sottoprodotto naturale dell'essere vivi.  Mentre trascorri la tua giornata, la tua mente forma delle impressioni su ciò che stai vivendo, e queste impressioni diventano pensieri.

    Mito 1

    Potresti aver sentito dire che meditare significa avere una mente perfettamente tranquilla. E potresti anche avere la convinzione che i pensieri siano un ostacolo alla tua felicità, specialmente se questi pensieri sembrano intensi, insistenti, critici e negativi. Trovare una pratica che ti liberi da queste suggestioni mentali può sembrare allettante.

    Ma liberarsi dalla mente non richiede di fermare i pensieri - infatti, è controproducente provarci. Più cerchi di forzare la tua mente, più i tuoi pensieri diventeranno insistenti.

    La meditazione non consiste nel fermare i pensieri. Si tratta di cambiare il modo in cui sperimenti quei pensieri. In qualsiasi insegnamento autentico (come l'Ascensione), imparerai ad osservare i pensieri senza attaccamento. Vedrai che possono andare e venire - come le nuvole che attraversano il cielo - e non ti causeranno alcuna difficoltà, a meno che tu non ti identifichi con loro e li renda importanti.

    Quando impari una pratica di meditazione pura, puoi anche diventare consapevole di come i pensieri passano attraverso lo spazio della tua consapevolezza. Puoi sperimentare quello spazio come silenzio, o quiete, o consapevolezza. È la parte di te che è consapevole di ciò che stai sperimentando, ed è sempre lì. Una tecnica di meditazione efficace ti permette di perdere interesse nei pensieri e di diventare più consapevole di quello spazio, finché non diventa più importante dei pensieri che sta generando. Quando la mente divaga, va bene - basta usare una tecnica per ritornare.

    Mito n°2: La meditazione è difficile

    Una delle idee sbagliate più comuni nella pratica meditativa o spirituale è che deve essere difficile e impegnativa. Molti di noi sono addestrati fin dall'inizio della vita a credere che qualsiasi cosa che valga la pena comporti duro lavoro e lotta, che dobbiamo metterci alla prova prima di poterci rilassare e sperimentare la pace interiore. Di conseguenza, molti di noi vedono la meditazione come un processo a lungo termine che porterà benefici solo dopo anni o vite passate seduti scomodi e doloranti.

    La meditazione non consiste nel perpetuare questo ciclo di lotta e sofferenza. E non riguarda qualche momento futuro. Si tratta di lasciar andare queste credenze e schemi, e scoprire come è la vita in questo momento.

    Ogni tecnica autentica è completamente naturale, non richiede alcuna battaglia o sforzo, e riguarda esclusivamente la tua esperienza di questo momento. Ti riporterà ad uno stato naturale - lo stato in cui si trovano i bambini quando giocano - completamente impegnati, permettendo ad ogni esperienza di andare e venire.

    È anche lo stato in cui entri quando sei immerso in qualcosa che ami, che si tratti di goderti la natura o di leggere un libro o di passare del tempo con gli amici. Non ci vuole sforzo per giocare, né per essere consapevoli e attenti alla tua esperienza del qui ed ora. Serve uno sforzo soltanto per pensare a queste cose.

    Sì, praticare regolarmente è utile, e questo richiede impegno. Ma l'impegno non è la stessa cosa della lotta. Una tecnica autentica riporta sempre la tua mente ad uno stato di consapevolezza e apertura. La pratica rende questa esperienza più stabile e coerente.

    E, sì, a volte potresti sentirti irrequieto o a disagio quando pratichi la meditazione. Ma queste esperienze non sorgono perché stai meditando - sorgono perché lo stress si sta liberando dal tuo sistema nervoso. Possono essere un prodotto delle nostre aspettative sulla meditazione e su ciò che dovrebbe darci.

    Non è mai necessario combattere o lottare con questi pensieri e sentimenti, solo essere consapevoli di loro mentre passano.

    Mito n°3. La meditazione è una sensazione di benessere

    Quando le persone vengono a un corso di meditazione, spesso cercano un'esperienza specifica. Possono chiamarla pace, o gioia, o amore, o Unità, o Illuminazione. Possono avere sottili aspettative che meditare li aiuterà a ripristinare esperienze passate, specialmente quelle che sembravano profondamente serene e piacevoli.

    Mito 3

    Ma la meditazione non riguarda un risultato specifico. È un percorso - un mezzo per riqualificare la tua attenzione. Quando mediti, diventi consapevole del tuo paesaggio interiore - i pensieri, i sentimenti, le emozioni, i ricordi, le esperienze fisiche e altre impressioni a cui presti abitualmente attenzione.

    Ogni volta che chiudi gli occhi, la tua esperienza sarà diversa. A volte avrai più pensieri, a volte meno. A volte vedrai altri contenuti. A volte sperimenterai la quiete e lo spazio. A volte ti sentirai bene, e altre volte potresti sentirti inquieto o a disagio. I benefici della pratica sono gli stessi.

    Meditare non significa inseguire una particolare esperienza. Si tratta della consapevolezza di ciò che è già qui. Una tecnica autentica permette di osservare il contenuto senza farsi prendere da esso, e permette di vedere oltre il flusso dell'esperienza mentale, le parti che altrimenti potrebbero sfuggirci.

    Mito n°4: Devi sederti in una posizione specifica

    Alcuni insegnamenti ti chiedono di sederti in una particolare postura, come la posizione del loto, e alcuni ti chiedono di mantenere quella postura per molto tempo, anche quando è scomoda o dolorosa per il tuo corpo, o dannosa per la tua salute. Allo stesso modo, certi cammini hanno altre regole - riguardo ciò che mangi, ciò in cui credi, chi frequenti, e così via.

    Mito 4

    La buona notizia è che la meditazione non riguarda nessuna di queste cose. Non riguarda come ci si siede, cosa si mangia, come si fa esercizio, o qualsiasi altra scelta di vita. Non c'è un solo modo corretto di meditare.

    La meditazione riguarda il luogo in cui poni la tua attenzione. Si tratta di notare a cosa stai dando la tua attenzione in questo momento, e scoprire se c'è qualcosa che ti manca. Quindi, quando ti siedi per meditare, tutto ciò che conta è essere comodo e attento - non c'è un modo sbagliato di farlo. E non è affatto necessario sedersi. Alcune pratiche (come il tai chi) comportano meditazioni in movimento. Altre (come l'Ascensione) possono essere usate in qualsiasi momento, sia che siate attivi o che stiate riposando.

    Mito n°5: Meditare è noioso

    Alcune persone vedono la meditazione come noiosa. Ci si siede, si chiudono gli occhi e si vede... niente. Oppure vedi il contenuto della tua testa, che ti è già un po' troppo familiare.

    Allo stesso modo, alcuni vedono le loro meditazioni come incombenze fastidiose - qualcosa che devi fare ogni giorno quando potresti fare qualcosa che reputi più divertente.

    Queste convinzioni nascono da malintesi. Praticare la meditazione è semplicemente notare questo momento, il che include il reindirizzare la propria attenzione a questo momento ogni volta che ci si allontana. Se l'Adesso sembra noioso, probabilmente non lo stai sperimentando - probabilmente stai sperimentando dei pensieri su come dovrebbe essere questo momento. Smetti di credere ai pensieri e la tua esperienza cambierà.

    La realtà è che nei momenti più vibranti che tu abbia mai sperimentato, eri completamente impegnato e attento. Che tu avessi gli occhi chiusi o aperti, che ti stessi rilassando sulla spiaggia o giocando a calcio o creando arte o pulendo la cucina, hai reso vivo il momento concentrandoti veramente su di esso - così tanto che hai smesso di pensare e ti sei dissolto nel momento. Quando mediti, stai ri-addestrando la tua attenzione a sperimentare quella vitalità come uno stato continuo.

    Se scegli di meditare, puoi renderla più vivace coltivando un atteggiamento di curiosità. Non trattarlo come un lavoro che stai facendo per arrivare da qualche parte; trattalo come un'esplorazione della freschezza di ogni nuovo momento.

    Mito n°6. Mito n°6. La meditazione deve essere fatta in silenzio

    Quando le persone meditano, spesso cercano una fuga dalla vita e dal suo caos - e dalla mente e dal suo caos interiore. Cercano stanze silenziose, spazi tranquilli, luoghi di solitudine. Forse costruiscono nidi di cuscini, accendono l'incenso, chiudono la porta, appendono un cartello che dice 'Non disturbare!

    È bello creare uno spazio sereno per la tua pratica di meditazione, e per darti la migliore possibilità di sperimentare l'immobilità interiore. Ma è un errore confondere l'ambiente fisico con l'esperienza sottostante.

    La realtà è che la meditazione può essere praticata ovunque. È tanto efficace in un aeroporto affollato quanto in un ashram, tanto facile con gli occhi aperti quanto con gli occhi chiusi. Controllare il tuo ambiente o imporre limitazioni fisiche può limitare la tua pratica. Puoi essere consapevole ovunque.

    Quando si impara una tecnica come l'Ascensione, si impara a permettere a tutti i suoni e alle altre esperienze sensoriali di andare e venire - non gestendo o controllando queste esperienze, ma rimanendo delicatamente consapevoli di esse.

    Il pezzo che stai vedendo non consiste nell'assenza di suono, ma nell'assenza di resistenza e di attaccamento. Quindi non hai bisogno di escludere nulla.

    Mito n°7. La meditazione riguarda il respiro

    Molto spesso, sentirete spiegare la meditazione come un insieme di esercizi di respirazione. Ti verrà detto che meditazione o mindfulness significa concentrarsi sul tuo respiro, e che la respirazione ridurrà lo stress e l’ansia.

    La verità è che la respirazione è una forma di meditazione, e non necessariamente quella che sarà più efficace per te. Altri metodi potrebbero chiederti di concentrarti su un oggetto, o un suono, o un mantra (una parola o una frase). Queste sono conosciute come tecniche di meditazione basate sull'"attenzione focalizzata".

    Altre pratiche, compresi alcuni insegnamenti di mindfulness, ti chiederanno di essere semplicemente consapevole della tua esperienza di questo momento, notando i tuoi pensieri e sentimenti senza tentare di cambiare o controllare nulla di tutto ciò. Queste sono conosciute come tecniche di " piena consapevolezza ".

    Ci sono anche pratiche che comportano la visualizzazione di un obiettivo desiderato, o il dire affermazioni al fine di aumentare i pensieri positivi.

    Leggendo le ultime frasi, potresti aver sviluppato un'idea su quale tipo di tecnica risuona di più con te. Ci sono chiare differenze fra l'Ascensione degli Ishaya e la maggior parte delle pratiche di consapevolezza, perché l'Ascensione combina elementi di piena consapevolezza e attenzione focalizzata per fornire risultati più veloci e più facili.

    Quando apprendi l'Ascensione, imparerai a notare la tua esperienza del momento presente, senza cambiarla o giudicarla. E imparerai anche tecniche che rifocalizzano la tua attenzione e ti riportano ad uno stato di consapevolezza immobile ogni volta che te ne allontani. Questa combinazione lavora con i ritmi naturali della mente per rilasciare rapidamente lo stress e calmare il sistema nervoso.

    L'Ascensione differisce dalle tecniche di piena consapevolezza perché hai uno strumento per riportare la tua mente se va alla deriva con i pensieri. E si differenzia dalle tecniche di attenzione focalizzata perché, stai permettendo alla tua mente di muoversi, non costringendola a rimanere concentrata su una cosa.

    Mito n°8. Praticare la meditazione è egoistico

    Alcune persone vedono la meditazione come un'attività egoista e passiva. Sembra qualcosa che si fa da soli, sottraendo tempo alla famiglia e agli amici e ignorando il mondo e tutti i suoi problemi.

    La realtà è l'opposto. Lo scopo della meditazione è quello di liberarti dagli schemi mentali e rivelare ciò che sta al di là di questi schemi. La maggior parte delle persone che meditano regolarmente sperimentano una maggiore profondità di calma, contentezza e godimento della vita. Questo significa che sono più facili da frequentare, meno critici nei confronti degli altri, più altruisti nei loro desideri e azioni, e molto più concentrati ed efficaci in qualsiasi cosa perseguano. Alcuni studi associano anche la meditazione ad una maggiore empatia e compassione.

    La meditazione non consiste nel chiudersi al resto della vita, ma nell'aprirsi alla realtà così com'è, in modo che le tue azioni facciano davvero la differenza. Se vuoi sostenere il benessere degli altri, devi prima prenderti cura di te stesso - altrimenti stai cercando di mostrare agli altri la strada prima di averla trovata per te. E se vuoi rendere il mondo un posto migliore, lasciare andare l'ego è un ottimo punto di partenza.

    Mito n°9. La meditazione è una pratica religiosa

    Molte religioni (il buddismo per esempio) incorporano elementi di meditazione, o pratiche simili come la preghiera o la contemplazione. In un certo senso riconoscono che queste attività focalizzano la tua attenzione e ti aprono a una realtà che è al di là della mente limitata, un'esperienza che si potrebbe chiamare Brahman, Dio, o una miriade di altri nomi.

    Ma la meditazione di per sé non riguarda la religione. Al contrario, gli insegnamenti religiosi incorporano sempre qualche elemento di credenza o dogma - si richiede di pensare e agire in certi modi per scoprire il nirvana o il paradiso in qualche momento futuro.

    La meditazione non riguarda l'adozione di una nuova credenza o idea, e non riguarda il futuro. Al contrario, qualsiasi tecnica di meditazione pura è interamente incentrata sul rendere viva la tua esperienza di questo momento. Le convinzioni possono solo essere d'intralcio.

    Tuttavia, la meditazione può aprirti a esperienze che sono al di là della tua mente limitata - esperienze di presenza, coscienza, magia, trascendenza, quiete o divinità. Molti praticanti di meditazione, compresi quelli che praticano l'Ascensione degli Ishaya, considerano la loro pratica come una pratica spirituale.

    Mito n°10. La meditazione è solo per persone stressate

    Mito 10

    La meditazione può portare benefici significativi alle persone che sono stressate o che soffrono. Una grande quantità di ricerche ha confermato che la mindfulness o la meditazione aiuta a calmare le parti del cervello associate allo stress, e anche a calmare il corpo e il suo sistema "fight-flight-freeze". I molti benefici della meditazione includono la riduzione dell'ansia, l'aumento della concentrazione, il miglioramento del benessere, la riduzione dello stress e i benefici associati alla salute. Per alcuni, la pratica può anche aiutare a migliorare i sintomi della depressione o altri comuni problemi di salute mentale.

    Eppure questi sono effetti collaterali. Lo scopo fondamentale della meditazione è quello di rivelare la verità, liberandoti dalle convinzioni limitanti della mente su te stesso e su chi ti circonda. La realtà è che chiunque può meditare. Se la tua esperienza di vita è già positiva, è probabile che meditare la migliori. Se stai considerando una pratica di meditazione, la domanda da porsi non è "sono stressato?", ma "sto cercando di più?"

    Mito n°11. Non hai bisogno di un insegnante di meditazione

    Una rapida ricerca su internet rivelerà molte app, libri, podcast e video che si offrono di insegnarti la meditazione o le tecniche di mindfulness. Possono darti un assaggio di alcuni dei benefici di una pratica regolare, e se il tuo obiettivo è semplicemente quello di ridurre un po' lo stress, potrebbero essere tutto ciò di cui hai bisogno. Tuttavia, se stai cercando qualcosa che ti dia la completa libertà dalla tua mente e dai suoi schemi, avrai bisogno di un insegnante.

    Mentre un'app è un'esperienza a taglia unica, un insegnamento dal vivo ti darà un'esperienza personale. Per i nuovi meditatori, riceverai una guida su misura per te, e le tue domande avranno risposta da persone che hanno già percorso il tuo cammino. Per i meditatori più esperti che cercano il risveglio o l'illuminazione, l'unico percorso realistico è quello di trovare una guida fidata che ha percorso il cammino prima di te.

    Perché nascono i miti sulla meditazione?

    I miti nascono quando le persone cercano di capire la meditazione e i suoi effetti tramite il pensiero. La meditazione riguarda la scoperta della realtà, e la realtà può essere scoperta solo quando smettiamo di interpretare le esperienze attraverso la lente delle credenze e delle idee.

    Questa verità essenziale non ha mai impedito alle persone di provare a pensare a come funzionano le meditazioni. Né ha fermato le persone dal cercare di pensare alla realtà che un vero sentiero può rivelare - una realtà di pura, amorevole coscienza non limitata da giudizi e altri concetti.

    Non appena si pensa al sentiero o a dove può portare, ci si perde. I risultati non possono essere descritti con pensieri o parole. Possono solo essere sperimentati.

    Oltre la meditazione

    L'Ascensione di Ishayas è più della meditazione - è un sistema completo per dissolvere i concetti limitanti della mente e rivelare la verità che si trova oltre la mente. Funziona con gli occhi aperti e chiusi, durante l'attività o il riposo, e sfrutta i ritmi naturali della mente per liberarti dall'attaccamento. Scopri di più sulle tecniche di ascensione qui.

    Torna su